Docente: Alessandra Damiani

Quale modello di Studio è più adeguato alle nostre caratteristiche individuali, al tipo di clientela che vogliamo servire e al tipo di servizi che vogliamo rendere?

A cosa dobbiamo prestare attenzione per garantire la sostenibilità nel tempo del nostro progetto? Come si costruisce e come si governa lo Studio?

Obiettivo del modulo è aiutare i partecipanti ad avviare un piano strategico/operativo per migliorare l’organizzazione del proprio Studio.

PRIMA SESSIONE

La prima sessione è dedicata a introdurre i principi di base dell’organizzazione, anche attraverso il richiamo allo standard organizzativo ISO 9001:2015 di recente pubblicazione.

I sette principi per la qualità e le novità dello standard ISO 9001:2015

La leadership: come strutturarla e gestirla bene
• Definizione dei ruoli e delle responsabilità – l’utilità di un organigramma funzionale
• Cosa ci si aspetta da un leader – vari tipi di leadership
• La gestione delle deleghe

La pianificazione strategica dell’organizzazione
• Il piano strategico dello studio secondo la guida IFAC per la gestione dei piccoli e medi studi
• Chiarire la propria visione e quella dei propri soci e collaboratori
• Fare un’analisi SWOT per individuare punti di forza, debolezze, opportunità e rischi da tenere in considerazione
• Definire la propria mission tendenziale
• Definire e perseguire strategie e obiettivi relativamente ai principali driver dell’organizzazione (clienti, servizi, economia e finanza, persone, tecnologie, cambiamento)

Le attività di supporto
• L’investimento sulle persone: come selezionare, coinvolgere, formare, motivare dipendenti e collaboratori e fidelizzarli nel tempo – Come ottimizzare performance e produttività
• Le infrastrutture: tecnologia e ambiente di lavoro per migliorare efficienza ed efficacia

Laboratorio: costruzione e commento del proprio piano strategico.

SECONDA SESSIONE

Come gestire in modo organizzato la realizzazione dei servizi professionali? Possiamo definire un percorso virtuoso per gestire il servizio professionale in modo efficace ed efficiente?

La gestione degli incarichi professionali
• L’appuntamento con il cliente: come valorizzarlo senza perdersi negli adempimenti di legge
• Come definire chiaramente l’incarico conferito dal cliente e le condizioni che lo regoleranno – Incarichi continuativi ed incarichi “spot” – Servizi a forfait, servizi a consumo, servizi a valore
• Come identificare e rintracciare gli incarichi assunti – Il supporto degli strumenti informatici
• Come valorizzare l’incarico ricevuto nelle sue fasi: l’importanza di parlare la lingua del cliente

Non tutto è standardizzabile: come gestire la progettazione di un nuovo servizio e le attività di consulenza?
• L’importanza dell’analisi preliminare
• Criteri di verifica e di validazione
• Riesami e modifiche progettuali quali elementi di base della conoscenza organizzativa
• Cosa significa verificare?
• Cosa significa validare?

Il risultato finale del nostro lavoro non dipende solo da noi. Come gestire gli acquisti esterni critici per la qualità del servizio professionale?
• gestire bene il processo di approvvigionamento
• definire le regole di ingaggio
• gestire il flusso di informazioni
• verificare gli apporti esterni senza essere costretti a rifare tutto

L’erogazione di servizi a contenuto standard
• L’importanza di riesaminare e ottimizzare i processi per migliorarne l’efficienza e ridurre i costi
• Analizzare, ponderare e gestire i rischi: meglio prevenire che curare
• Quali regole stabilire e quali “importare” poichè già disponibili – il supporto degli strumenti informatici
• Dare evidenza dei presidi adottati per garantire qualità e affidabilità
• Gestione documentale, archiviazione e “collaboration” con il cliente per alleggerire i processi
• Verificare l’affidabilità degli strumenti che usiamo per non avere brutte sorprese

Laboratorio: predisposizione di una procedura utile per gestire gli adempimenti.

TERZA SESSIONE

Per garantire la sostenibilità dello Studio nel tempo e orientarne lo sviluppo è essenziale capire se le attività svolte ed il modo con cui vengono eseguite creano valore oppure bruciano risorse che potremmo destinare diversamente. Per prendere decisioni corrette bisogna sapere dove guardare.
L’ultima sessione è interamente destinata al controllo di gestione, ovvero ai metodi di misurazione dei processi operativi e all’analisi dei dati raccolti, in un’ottica di miglioramento.
Verranno illustrate le modalità di trattamento delle non conformità, di analisi delle cause e di gestione di eventuali azioni di miglioramento conseguenti.

• Definire gli indicatori di performance per misurare i processi e i servizi
• Definire obiettivi di miglioramento
• Come capire se il cliente è soddisfatto e anticiparne le esigenze?
• Condurre un audit interno per confrontarsi sull’organizzazione, le criticità e le possibili azioni correttive
• Il Riesame di Direzione: non una semplice formalità, ma un vero e proprio “bilancio” del sistema organizzativo
• La certificazione qualità: perchè farla? cosa comporta? quanto costa?

Laboratorio: predisposizione di un piano operativo per organizzare il proprio Studio.

TORNA ALLA HOME